Federica Pellegrini, flop inatteso. Ma a noi brucia di più quella rinuncia…

Il mancato podio di Federica Pellegrini ha fatto male a tutta l’Italia sportiva, questo è certo. Ma il rispetto per una grandissima campionessa del nostro nuoto non ci può esimere dal dire che ancora più male ce lo ha fatto la sua rinuncia ai 100 metri stile libero. Non è naturalmente detto che Federica Pellegrini si sarebbe riscattata in quella gara, ma in realtà, nello sport, questo non ha nessuna importanza. I suoi ammiratori e sostenitori non si sarebbero dispiaciuti se anche nei 100 la Federica nazionale avesse mancato il podio, ma sarebbero stati felici per la semplice discesa in acqua dopo una “sconfitta”, che poi tale non è, succeda quel che succeda. Se anche la Pellegrini fosse arrivata ultima ai 100, cosa che escludiamo, avrebbe avuto la gratitudine dell’Italia e l’ammirazione del mondo per aver trovato la forza di rialzarsi dopo quello che era successo. Alle Olimpiadi, nello sport, come nella vita, si vince e si perde, e dispiace che Federica Pellegrini, dopo aver dedicato tutta la sua vita a questo scopo, con sacrifici inenarrabili, non abbia sentito la voglia di rivincita, non tanto per dimostrare che lei è la più forte, quanto per dimostrare che non si arrende mai. Non è andata così, e ce ne dispiace. Ci consola parzialmente il fatto che invece sarà puntualmente in acqua per la staffetta dei 4×100, per trascinare ancora una volta la nazionale azzurra verso la vittoria. Comunque è andata così. Ma siamo certi che tra qualche anno la Pellegrini avrà questo rimpianto: però quella 100 me la sarei potuta giocare… Anche se, come lei ha dichiarato, «non ne avevo più». Ma proprio per questo sarebbe diventata ancora più grande.

Renzi ringrazia comunque la Pellegrini

Delusione ma affetto anche da parte del premier: «Peccato per #Rio2016. Ma grazie dal profondo del cuore a Federica Pellegrini una delle atlete più forti di sempre #orgogliotricolore», ha scritto infatti su Twitter Matteo Renzi. Il presidente del Consiglio ritwitta inoltre il post in cui la campionessa di nuoto racconta la sua delusione per il risultato nella gara olimpica della scorsa notte.