Donna data alle fiamme a Lucca: fermato il presunto aggressore

Una donna di 46 anni che lavora nell’ospedale di Lucca come barelliera è stata cosparsa di liquido infiammabile e data alle fiamme, dopo un’aggressione avvenuta alle 13 nella zona dell’obitorio dell’ex ospedale Campo di Marte. Alcuni colleghi hanno udito le urla e sono usciti con secchi d’acqua a spegnere il fuoco. Sul posto sono subito intervenuti anche i vigili del fuoco, un’ambulanza e l’elisoccorso Pegaso che ha trasferito la donna in gravissime condizioni al centro grandi ustionati di Pisa. La polizia, intervenuta con la squadra volanti, ha avviato le indagini per ricostruire il grave episodio e per cercare il responsabile dell’aggressione. La donna potrebbe aver incontrato una persona di sua conoscenza nel luogo dove poi è stata data alle fiamme.

Il fermato è un collega di Lucca

La donna aggredita con il fuoco a Lucca avrebbe fatto il nome del presunto aggressore prima di essere trasportata in ospedale. L’uomo sarebbe stato già rintracciato dalla polizia. Secondo quanto si è appreso, sarebbe ascoltato in questura. Al momento, l’uomo avrebbe negato ogni addebito. Secondo quanto si è appreso, si tratta di una persona che lavora per una cooperativa che opera per la Asl. Anche la donna aggredita lavora in una coop che ha in appalto servizi per la Asl, ma non la stessa dell’uomo.