Appello a Obama: «Guillermo Farinas rischia la vita perché contro Castro»

Non cessano le violenze a Cuba contro gli oppositori. Da un mese Guillermo Farinas, noto  esponente anticastrista a Cuba, fa lo sciopero della fame contro le repressioni effettuate dal regime guidato da Raoul Castro. Ora in suo favore è intervenuto un gruppo di dissidenti di Cuba che ha inviato una lettera aperta a Barack Obama per chiedergli di intervenire personalmente per salvare la vita di Guillermo Farinas. La lettera è stata pubblicata sul sito del Foro Antitotalitario Unito (Fantu).  Il presidente americano conosce Farinas e lo ha incontrato all’Avana durante la sua visita del marzo scorso.

Cuba e lo sciopero della fame di Guillermo Farinas contro il regime

Guillermo Farinas nel corso degli anni ha fatto ben ventitré scioperi della fame per protestare contro il regime castrista e ha sempre dichiarato di essere pronto a morire nella lotta contro la censura  Cuba. Farinas, che nel 2010 ha ricevuto il Premio Sakharov per la libertà di pensiero dell’Europarlamento, ha lanciato la sua ennesima protesta non violenta per esigere al governo di Cuba di «impegnarsi davanti all’opinione pubblica nazionale ed internazionale perché cessino le percosse, le torture, le minacce, la fabbricazione di false denunce, le perquisizioni arbitrarie nelle dimore dei dissidenti e il sequestro di beni personali degli oppositori».