Con i passamontagna irrompono a casa di un anziano. Come in un film

FacebookPrintCondividi

Una donna di 35 anni e un ragazzo sedicenne sono stati arrestati dai carabinieri a Castellana Grotte con l’accusa di aver tentato di rapinare in casa un anziano di 94 anni e la sua badante romena. Erano armati e indossavano i passamontagna. Il sedicenne è rinchiuso nel carcere minorile di Bari, mentre la donna è agli arresti domiciliari.

I rapinatori con il passamontagna tentano di legare l’uomo

Una vicenda che sembra tratta da un film: i due, armati di pistola e col volto coperto da passamontagna, hanno fatto irruzione nell’appartamento dell’anziano e, sotto la minaccia dell’arma, hanno tentato di legare con nastro adesivo da imballaggi l’uomo e la badante. Quest’ultima, però, è riuscita a divincolarsi e a fuggire, riuscendo a raggiungere il balcone di casa e a chiedere aiuto ai passanti, i quali hanno dato l’allarme ai carabinieri. I rapinatori, nel tentativo di fermare la donna, hanno esploso contro di lei un colpo di pistola, poi rivelatosi a salve, prima di fuggire. Individuata l’auto a bordo della quale la donna e il ragazzo erano fuggiti, i carabinieri sono risaliti all’identità della donna, proprietaria della vettura, che in caserma ha poi confessato. In casa della 35enne sono stati sequestrati la pistola a salve calibro 8 priva di tappo rosso e un passamontagna, mentre un altro passamontagna e una felpa nera erano stati abbandonati dai rapinatori durante la fuga. Il minorenne è stato rintracciato più tardi nella villa comunale dove aveva cercato di nascondersi.