Allo staff compensi da Paperon de’ Paperoni: nuovo scivolone della Raggi

Nonostante le tirate d’orecchio di Grillo e gli imbarazzi dei militanti, la Raggi continua imperterrita. «Dopo le denunce di Fratelli d’Italia sui compensi stellari dei grillini in Campidoglio, attraverso un esposto alla Corte dei Conti per danno erariale e alla Procura per abuso d’ufficio sui casi del capo Gabinetto e del capo segreteria del sindaco, i pentastellati annunciano ora tagli agli staff. In realtà lo stipendificio targato 5 Stelle si dà giusto un ritocchino». E’ quanto dichiara in una nota Fabrizio Ghera, capogruppo di Fdi-An in Campidoglio osservando che resta in piedi la delega al Litorale per Giuliana Di Pillo così come «la clamorosa contraddizione sullo stipendio del magistrato neo capo di Gabinetto».

La Raggi considera la Raineri intoccabile

«Per il sindaco Raggi  la Raineri è talmente un perno irrinunciabile che il suo pomposo emolumento rimarrà intatto e così il direttivo le permetterà di guadagnare più di un presidente del Consiglio. Non si capisce, poi, per quale strano motivo l’ammontare del compenso della Raineri è stato calcolato sull’intero stipendio percepito in precedenza. L’anomalia infatti sta proprio nel ruolo che andrà a ricoprire in Comune, i 193mila euro l’anno non saranno legati alle sue prestazioni di magistrato bensì alla funzione di Capo Gabinetto e pertanto quei compensi così alti rimangono ingiustificati e immotivati», conclude.