Berlusconi  prepara la sfida di autunno: il centrodestra cambia volto

Il compleanno della figlia Marina, festeggiato in Provenza nella residenza della primogenita, era uno dei tradizionali appuntamenti a cui Silvio Berlusconi non rinunciava. Quest’anno però complice il riposo forzato a seguito dell’operazione al cuore e la ritrovata unità tra tutti i figli dell’ex capo del governo, la festa per i cinquant’anni della primogenita del leader di Forza Italia si terrà in Sardegna, a villa La Certosa, dove Berlusconi si trova già da diversi giorni.

Il ritorno di Berlusconi sulla scena politica sarà graduale

Nessuna fretta, Berlusconi continua il suo recupero e per il ritorno sulla scena politica niente accelerazioni, a decidere saranno i suoi medici. Il riposo però non impedisce all’ex capo del governo di monitorare quanto accade in vista soprattutto del mese di settembre che per il centrodestra si preannuncia piuttosto “caldo”. In programma per i primi giorni del prossimo mese c’è l’appuntamento con Stefano Parisi che dopo la breve vacanza a cavallo di ferragosto tornerà ad occuparsi della riorganizzazione di Forza Italia. Il progetto infatti sarà discusso nel prossimo appuntamento con Berlusconi. Parallelamente al restyling azzurro, l’ex ad di Fastweb si prepara a varare la sua “creatura” nella convention in programma per metà settembre a Milano. Un appuntamento che cadrà in contemporanea con il raduno di Matteo Salvini a Pontida.

Il nodo che Berlusconi e Parisi sono chiamati a sciogliere

Il modello “Milano” che ha voluto Berlusconi e portato Parisi a un passo dalla vittoria alle amministrative meneghine coinvolge tutte le forze di centrodestra. Anche il centro di Angelino Alfano e Maurizio Lupi con il quale Salvini però non intende discutere ma nei confronti dei quali Maroni lancia segnali d’apertura visto che fanno parte della sua giunta. Al di là della scelta della data da parte di Parisi, proprio in contemporanea con la festa del Carroccio, è significativo anche il tono che Parisi vuole dare all’incontro: una convention, raccontano fonti interne a Forza Italia, che vuole essere molto “American party style” per definire programma e procedure di un nuovo centrodestra a trazione moderata 2.0. E che richiama l’idea del partito repubblicano italiano sul modello dell’elefante Usa.