Amatrice, «un bimbo chiede aiuto sotto le macerie, tentiamo di salvarlo»

FacebookPrintCondividi

«C’è un bambino sotto le macerie, lo hanno sentito chiamare aiuto e stanno cercando di tirarlo fuori». Lo ha detto ad Amatrice uno speleologo che sta partecipando ai soccorsi post terremoto. Nella stessa zona del centro dove si trova l’edificio crollato con il bimbo sotto le macerie – del quale non si conosce l’età – sono stati estratti quattro cadaveri e due ragazze ancora vive. Il Daily Mail titola che Amatrice è come l’Inferno di Dante, si temono 150 persone sepolte vive.

Ad Amatrice salvato un ragazzo. Crolli nella Basilica

È stato salvato dalle macerie di Amatrice un ragazzo di nome Yuri, estratto da quello che è uno scenario apocalittico nella zona sud del paese. Almeno tre palazzine moderne rase al suolo dal sisma. Piani accartocciati uno sull’altro. Soccorritori e vigili del fuoco senza sapere quanta gente è ancora dentro, ma potrebbero essere molti.

Crolli ad Amatrice anche nella Basilica di San Francesco e nella chiesa Sant’Agostino. Lo confermano fonti vicine al Mibact. In particolare spezzata la splendida facciata di S.Francesco, risalente al Trecento, che ha perso il suo oculo. L’interno, a navata unica, è pieno di dipinti, nell’abside, ci sono affreschi del XIV sec. Anche la Chiesa di S.Agostino, eretta nel 1428 a ridosso delle mura antiche di Amatrice, esibiva un bellissimo portale tardo gotico. Confermato il collasso anche del Museo Civico.