Vertice dei senatori del centrodestra per dire No al referendum (e a Renzi)

FacebookPrintCondividi

«Con la riunione di oggi abbiamo deciso di dar vita ad un coordinamento dei parlamentari di centrodestra ma non solo per coordinare le azioni politico-parlamentari per il no alle referendum costituzionale». Lo afferma Cinzia Bonfrisco, capogruppo dei conservatori e riformisti al Senato al termine della riunione con il resto dei senatori dell’area di centrodestra. Oltre alla Bonfrisco il coordinamento sarà composto da Paolo Romani, Mario Mauro, Gaetano Quagliariello e Laura Bignami. Il coordinamento si legge nella nota finale al termine della riunione ha come obiettivo «raccordandosi con un’analoga iniziativa dei colleghi della Camera, per l’organizzazione congiunta della campagna referendaria per il No, in sinergia e nel rispetto dei diversi comitati nati sul territorio che rappresenteranno l’architrave dell’artività di sensibilizzazione».

Al vertice del centrodestra anche Rampelli (FdI)

All’incontro hanno partecipato esponenti di Forza Italia, Lega, Cor, Idea, Gal e Fabio Rampelli capogruppo di Fdi alla Camera. Alla riunione ha aderito inoltre Antonio Azzollini senatore di Area Popolare da sempre contrario le riforme. «I cittadini chiedono a Renzi un passo indietro e noi li aiuteremo a capire che votando no al referendum si mandano a casa i signori Renzi e Boschi». Lo ha detto Gianmarco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato intervenendo in conferenza stampa al termine della riunione dei senatori di area di centrodestra per coordinare iniziative comuni per il no al referendum. Centinaio ha spiegato che dopo la riunione di oggi ce ne saranno di periodiche per coordinare attivtà e altre iniziative