«Ecco la storia di Giorgia, uccisa dall’ecstasy e resuscitata dall’amore» (video)

Il regista Ambrogio Crespi nel suo docufilm «Giorgia vive» – dopo i suoi precedenti lavori su Enzo Tortora, il Capitano Ultimo e la Terra dei fuochi – ha scelto di raccontare la vera storia di Giorgia Benusiglio, che all’età di 17 anni dopo una pasticca di ecstasy entra in coma epatico e subisce d’urgenza un trapianto di fegato che le salva la vita. Da dieci anni, grazie anche al sostegno del padre, la milanese 34enne insegna ai giovani cosa ha significato per lei quella difficile esperienza.