Si costituisce la guardia fuggita con un furgone di oro. Ma il tesoro è sparito

Scomparso con 50 chili d’oro lavorato, per un valore di 4 milioni di euro, dopo una settimana si è presentato alla caserma dei carabinieri di Lucca. Ma dell’oro nessuna traccia. Antonio di Stazio, 60 anni, guardia giurata della Securpol di Arezzo non aveva dato più notizie di sé dall’11 luglio quando, durante il giro tra le ditte orafe di Civitella in Valdichiana (Arezzo) per il ritiro dell’oro da portare alla fusione era sparito con oro e furgone, lasciando a piedi il collega. Di Stazio, secondo quanto si è appreso, si è presentato spontaneamente, accompagnato dal suo legale Marco Treggi, alla caserma dei carabinieri di Lucca ammettendo tutto ma senza dare notizie circa la fine fatta dal carico di oro. Al momento l’uomo risulta indagato per appropriazione indebita. Il furgone con cui si era allontanato era stato ritrovato di lì a poco ma senza l’oro all’interno.