Scontro treni, il tragico errore l’ha commesso il capostazione di Andria

FacebookPrintCondividi

Il fatto di avere due treni fermi in stazione, ad Andria avrebbe indotto ad un automatismo il capostazione andriese, Vito Piccarreta, che ha ammesso davanti ai pm di aver fatto partire il treno ET1021 diretto verso Corato, che si è poi scontrato con il treno ET1016. Lo si apprende da fonti investigative al termine dell’interrogatorio di Piccarreta. Il convoglio fermo ad Andria e diretto verso Corato – secondo le indagini – non doveva partire perché Piccarreta sapeva che da Corato era in arrivo un altro convoglio, che lui stesso stava aspettando in stazione. Piccarreta, quindi, dopo l’arrivo in ritardo di 23 minuti ad Andria del primo treno proveniente da Corato (l’ET 1642), avrebbe agito in base ad un automatismo generato dal fatto di avere due treni fermi in stazione: ha alzato la paletta e ha fatto partire tutti e due i treni, il primo verso Corato, l’altro verso Barletta. Questo alle 10.59. Attorno alle 11.07, un minuto circa dopo il disastro, risulta dai tabulati acquisiti dalla polizia, il capostazione di Andria ha chiamato il collega di Corato e lo ha avvertito di aver dato la partenza al treno. A quell’ora nessuno dei due capistazione sapeva che c’era stato lo scontro fra treni.Un svista fatale , dunque. Ma che non scioglie il nodo di fondo: possibile mai che sicurezza su una tratta a monobinario possa essere violata da un banale (e tragico) errore umano?