Roma sotto i rifiuti: M5S fa una sceneggiata e ricicla il solito Cerroni

«L’assessore Paola Muraro irrompe all’Ama. Solo sceneggiate. Il modo di governare isterico in Campidoglio. I blitz, le sciocchezze. Roma in mano agli attori». Nel tweet di Francesco Storace, vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio, l’icastica ironia sulla gestione demagogica dei grillini, incapaci di gestire l’ordinaria amministrazione, ma bravissimi a fare propaganda. Come nota Fratelli d’Italia, i telefonini e le dirette streaming vengono realizzate per gli incontri con i manager capitolini, ma non c’è neanche un telefonino a disposizione quando i grillini intrecciano relazioni pericolose con Manlio Cerroni, il potentissimo re delle discariche.

FdI sull’emergenza rifiuti: “M5S dall’onestà all’omertà”

«Il blitz della Muraro in Ama – commenta Fabrizio Ghera – intenta a chiedere documenti operativi ai vertici aziendali, la dice lunga sui grillini. La realtà è che i 5 Stelle sul ciclo dei rifiuti fanno dietrofront e al grido di “cambiamo tutto” riportano la “monnezza” al re delle discariche, tra inadeguatezza gestionale e accordi sottobanco con il Colari come riportato dalla stampa». Come denuncia il capogruppo di Fdi-An in Campidoglio, «è tutto in alto mare e la pulizia in città è ben lontana dai proclami dei primi giorni d’insediamento ma nel frattempo i grillini, ai quali non bastava catapultare assessore all’Ambiente una persona che aveva già percepito lauti compensi come consulente di Ama, pensano a nominare un consulente esterno per la raccolta differenziata. Ma anche qui spunta un’anomalia, come mai i cristallini 5 Stelle non hanno pensato di procedere attraverso l’espletamento di un bando ad evidenza pubblica? Mistero che speriamo quanto prima venga svelato. Il nuovo corso Raggi somiglia al passo del gambero: il sindaco e la giunta consegnano di nuovo Roma in mano a Cerroni e in Ama prosegue valzer consulenze a chiamata diretta». L’inconsistenza della giunta Raggi risveglia persino il Pd, che pure è il principale responsabile della gestione dissennata dei rifiuti a Roma. «L’assessore Muraro pulisca Roma, se ne è capace – incalza il deputato Pd, Marco Miccoli – I blitz e le occupazioni non spettano certo agli assessori ma lei non si preoccupi: le manifestazioni di protesta a Roma ci saranno, glielo garantiamo. Se tra qualche mese la situazione dei rifiuti non migliorerà saremo noi, l’opposizione, ad andare insieme a tanti cittadini romani in piazza del Campidoglio a chiedere le sue dimissioni per manifesta incapacità».