A Rimini scoperta una casa di 50 metri che ospitava 23 immigrati

FacebookPrintCondividi

Vivevano in 23, tutti cittadini bengalesi, in 50 metri quadrati in una casa in zona San Giuliano a Rimini. A scoprirli, finiti a dormire anche su materassi buttati a terra e allestiti come letti, sono stati i Carabinieri nel corso di alcuni controlli dedicati a combattere l’abusivismo e il sovraffollamento nelle abitazioni. Nel dettaglio, 14 militari e 2 ispettori dell’Ausl Romagna sono entrati in due appartamenti, uno in via Coletti e uno in via Lago Margherita in cui hanno identificato, complessivamente 31 cittadini di origine bengalese. In particolare, nella struttura di via Coletti gli uomini dell’Arma hanno trovato 23 persone stipate in due vani, per poco più di 50 metri quadrati. Oltre che sull’abitabilità, con una altezza dei vani inferiori ai due metri, dubbi, da parte dei Carabinieri, sulla regolarità e effettiva registrazione del contratto d’affitto, tenuto conto che l’affittuario ha dichiarato di corrispondere, mensilmente e senza ricevere alcuna ricevuta, una somma in contanti nettamente maggiore a quella pattuita. Per il proprietario riminese dell’immobile, pertanto, è scattata la segnalazione alla Guardia di Finanza e all’Agenzia delle Entrate per le verifiche del caso. Nei prossimi giorni saranno inoltrate dal personale dell’Ausl, richieste per l’emissione di ordinanza dirigenziale riguardo il ripristino del numero legale dei residenti. Contestate complessivamente, infine, 24 sanzioni per sovraffollamento abitativo.