La rabbia di Marine Le Pen: «Basta guerre di parole, servono atti concreti»

FacebookPrintCondividi

«La lotta contro il fondamentalismo islamico deve iniziare». È tranchant il commento che Marine Le Pen affida a Twitter dopo la notizia dell’attentato terroristico di Nizza. Intervistata poco più tardi da Le Figaro online la leader del Fronte National si è detta «molto arrabbiata» per la strage di Nizza e l’incapacità del governo Hollande di prevenire e contrastare il terrorismo internazionale.

Marine Le Pen: ora servono atti concreti

«Non è stato attuato nulla di tutto ciò che abbiamo proposto – ha detto Marine Le Pen – l’urgenza ora è combattere l’ideologia su cui si fonda il terrorismo. E su questo punto non è stato fatto nulla, assolutamente nulla». Per il momento, ha proseguito la leader della destra francese, «siamo in una guerra di parole, di comunicazione. Il lutto nazionale finirà come lo stato d’emergenza in lutto nazionale permanente». La Le Pen, di fatto, ha accusato il governo di Hollande di «non voler condurre la lotta contro il fondamentalismo islamico. Ora basta. Servono a atti». Dalla chiusura delle moschee salafite alla decadenza della nazionalità la Le Pen accusa il governo francese di non aver accolto neanche una delle proposte avanzate dal Front National.