Pensionato strangola la moglie: le rinfacciava la morte del figlio annegato

Un pensionato di 77 anni ha strangolato la moglie, 76 anni, dopo un litigio avvenuto nella loro abitazione (nella foto, il palazzo), in via Antica Romana a Pegli, vicino Genova. La lite sarebbe andata avanti per ore. Dopo il delitto l’anziano ha chiamato i carabinieri di Arenzano ai quali ha raccontato l’accaduto ed è stato poi arrestato. A incrinare il rapporto tra gli anziani coniugi sarebbe stata la morte dell’unico figlio, avvenuta nel 2012, a 40 anni. L’uomo morì annegato davanti alla spiaggia di Voltri (Genova). Da allora la coppia ha cominciato a litigare. Le liti erano sempre più frequenti, secondo quanto hanno ricostruito i carabinieri della compagnia di Arenzano, ed anche violente. Non c’era giorno che i due non litigassero. Il pensionato arrestato è Giacomo Sfragaro, la moglie si chiamava Giuseppina Minatel. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Arenzano, guidati dal comandante Massimo Pittaluga, l’anziano sarebbe rimasto sconvolto dalla morte del figlio Marco. Da quel momento avrebbe iniziato a covare una forma morbosa di gelosia nei confronti della moglie. Il sentimento sarebbe cresciuto nel corso dei mesi tanto da spingere i due a frequenti litigi, l’ultimo sfociato nell’omicidio. «Ho ucciso mia moglie, sto venendo da voi. Ho fatto una cavolata», ha detto l’anziano ai carabinieri annunciando il delitto.