Papa Francesco raccontato in un libro: «Si fa la barba cantando il tango»

FacebookPrintCondividi

La principale debolezza gastronomica di Papa Francesco? «I brownies». È una persona che va a letto tardi? «No, non fa le ore piccole. Si alza molto presto e canta il tango. Gli piace molto. Mentre si fa la barba ascolta musica e canta il tango. Ada Falcon è la sua cantante preferita (la chiamavano l’Imperatrice del tango e morì a 97 anni, ndr). Fa la siesta perché dice che è come vivere l’alba due volte. Riposa 45 minuti ogni giorno, tra le 15 e le 15.45. A quell’ora Padre Jorge scompare!». Sono alcuni appunti – pubblicati da Il Sismografo, sito molto vicino al Vaticano – di Alicia Barrios una giornalista argentina molto vicina a Papa Francesco da oltre 20 anni, autrice del libro “Mi amigo padre Jorge“, singolare racconto che narra un’amicizia profonda, sincera e che svela, ancora una volta, la solida umanità dell’uomo e del sacerdote che ormai da più di tre anni svolge il ministero di vescovo di Roma.

Alicia Barrios è l’autrice di “Mi amigo padre Jorge

Padre Jorge – ha ricordato la Barrios in un’intervista allo spagnolo La Razon – parla con il linguaggio dell’uomo della strada, della gente comune. Sul rapporto di Papa Francesco con la sua patria, l’Argentina, la giornalista ha offerto una lettura toccante: «E’ un cosa sulla quale non voglio mai fare domande poiché ciò è per lui un vero dolore. L’Argentina ormai è un luogo dove non può più tornare. Ho l’impressione che quando mi vede sente vicino a lui un pezzo della sua terra. Quando mi congedo mi sembra di vederlo piangere. Ogni volta che l’incontro gli porto alfajores (dolci di latte argentini, ndr) ma lui sa di dover stare attento perché ingrassano. Se potesse tornare in Argentina sicuramente andrebbe a vivere alla Casa per preti anziani nel quartiere Flores di Buenos Aires, accanto alla chiesa di San Giuseppe».

Papa Francesco non ha il telefonino. Usa solo il fisso e «fa tutto da solo»

Di questa situazione di allontanamento definitivo dalla sua Argentina, Papa Francesco se n’accorse con grande dolore – racconta la Barrios – il giorno in cui un suo nipote ebbe un incidente automobilistico nel quale morirono la moglie e i due figli e lui non poté recarsi ai funerali. In un’intervista a tutto campo, non poteva ovviamente mancare la domanda sulla “passione” del Papa per le telefonate. E la giornalista non si è sottratta: «Francesco – ha rivelato – non possiede telefoni cellulari. Usa il fisso e se gli capita di sentire lo squillo di un apparecchio vicino a lui risponde normalmente. Dall’Argentina si è portato la sua rubrica telefonica che usa quando desidera chiamare a qualcuno. Fa tutto da solo!».