Il Papa: “Dio converta i cuori dei violenti accecati dall’odio”

FacebookPrintCondividi

L’attentato di Nizza desta “preoccupazione” e “sgomento” anche in Vaticano, per l’obiettivo sensibile rappresentato dal centro della cristianità e per la presenza del Papa. Tuttavia, al momento, non ci sono “allarmi specifici né evidenze di minacce” mentre il sistema di protezione rimane elevato, come era già per il Giubileo, ma comunque “inalterato”. Sono comunque entrati già dal primo giugno in servizio 25 nuovi gendarmi che hanno ricevuto l’incarico dopo una lunga formazione tecnico professionale e selezione attitudinale.

“Mentre la Francia celebrava la sua festa nazionale – si afferma in un messaggio di cordoglio inviato a nome del Papa al vescovo di Nizza mons. André Marceau –  la violenza cieca ha colpito ancora il Paese a Nizza, facendo numerose vittime tra cui dei bambini. Condannando ancora una volta tali atti, Sua Santità Papa Francesco esprime la sua profonda tristezza e la sua vicinanza spirituale al popolo francese”. “Egli affida alla misericordia di Dio – si legge ancora nel messaggio a nome del Pontefice – coloro che hanno perso la vita, e si unisce fortemente al dolore delle famiglie in lutto”.

Sull’account twitter del Papa si legge inoltre il seguente messaggio: “Prego per le vittime dell’attentato a Nizza ed i loro famigliari. Chiedo a Dio di convertire il cuore dei violenti accecati dall’odio”.