Londra, fumo alla stazione della metro: falso allarme terrorismo

Ormai è panico attentato terroristico islamico. La paura che qualunque cane sciolto possa improvvisarsi kamikaze o che sconosciute cellule dormienti si rivelino pronte ad agire e a seminare sangue e morte è all’ordine del giorno: e gli ultimi accadimenti verificatisi in Germania non contrinuiscono a calmierare gli animi. Così, quando del fumo fa la sua presenza nella stazione della metropolitana di Londra Golders Green (nord), il primo pensiero va alla possibilità che il rischio emulazione possa aver colpito, nuovamente, la city al cuore attraverso l’arteria principale del suo trasporto urbano: i convogli della metro.

Londra, fumo in una stazione della metro: evacuata la zona

Immediata la reazione – la stazione é stata tempestivamente evacuata – e individuata la causa del fumo, derivante da un sospetto veicolo abbandonato. Subito, allora, la polizia della capitale, ha cercato di rintracciare il proprietario del mezzo. E praticamente contemporaneo l’allarme diffuso a mezzo stampa e via web: tra tutti, si segnala il tempestivo rilancio della notizia del fumo nella stazione della metro che sembra provenire da uno dei da parte del  convogli tabloid Evening Standard in un tweet che affida le informazioni sul caso ad un tweet. Tanto rumore per nulla, però: l’allarme cessa quasi subito e la stazione di Golders Green (nord) della metropolitana londinese viene riaperta: la polizia, infatti, ha reso noto che l’auto abbandonata trovata vicino alla fermata é stata dichiarata sicura, e che l’area verrà riaperta al traffico quanto prima.