Un falso medico smascherato a Pompei: usava i titoli di un omonimo

Un falso medico che sfrutta generalità e titoli di un omonimo che è medico vero. Dove può capitare se non nella zona di Napoli? Eccola la storia che sembra la riedizione di un episodio del mitico “Totòtruffa 62”. Solo che questa del falso medico non è uno sketch, una scenetta comica. È la realtà scoperta dai carabinieri. Perciò, sfruttando il codice medico di un suo omonimo, un tale esercitava la professione di endocrinologo in maniera abusiva. Un falso medico con tanto di laurea, rigorosamente contraffatta che è stato scoperto e denunciato. È accaduto a Pompei (Napoli) dove i carabinieri della locale stazione e quelli del Nas di Napoli hanno scoperto un 33enne (del quale non sono state fornite altre generalità). I militari hanno appurato che l’uomo esercitava l’attività abusiva di medico endocrinologo nella sua casa della centrale via Roma. Dalle indagini dei carabinieri è emerso che l’uomo non era iscritto all’albo e anzi che usava il codice medico di un vero endocrinologo della provincia di Napoli, suo omonimo e ignaro di tutto. L’uomo è stato denunciato per esercizio abusivo di professione medica. Durante la perquisizione in casa del falso medico, i carabinieri hanno trovato e sequestrato la sua laurea falsa in medicina e chirurgia, oltre ad attestati di specializzazione, un computer, attrezzature mediche e circa 270 cartelle cliniche. Chissà cosa penseranno adesso i suoi ignari pazienti.