Egiziano getta benzina sulla moglie e le dà fuoco con la sigaretta: arrestato

Un egiziano di 38 anni è stato arrestato dalla Polizia di Stato, a Milano, con l’accusa di aver gravemente ustionato la moglie in casa, in via Rismondo, gettandole della benzina addosso e dandole poi fuoco con una sigaretta che aveva in mano. La donna è gravissima, ha riportato ustioni di terzo grado sul 50% del corpo ma per fortuna non si troverebbe in pericolo di vita. È ora ricoverata all’ospedale di Niguarda. L’episodio è avvenuto il 15 luglio scorso, ma l’arresto è stato perfezionato oggi dopo una serie di accertamenti da parte degli agenti delle Volanti, che avevano subito portato in questura l’uomo in attesa delle perizie dei medici e di poter sentire la donna. Il marito al momento è accusato di maltrattamenti e lesioni gravissime, ma presto, allo scioglimento della prognosi, ancora riservata, potrebbe rispondere di tentato omicidio. E’ stato lui a chiamare i soccorsi, quel giorno, ma all’arrivo della polizia aveva raccontato che l’ustione era stata causata da un incidente domestico. L’uomo era già noto alle forze dell’ordine. Il 26 marzo gli agenti erano intervenuti in via Rismondo per una lite nella stessa abitazione, ma la donna non aveva sporto denuncia; l’intervento era rimasto comunque tracciato nella banca dati della polizia grazie all’innovativo protocollo Eva su maltrattamenti in famiglia e minacce.