Un camion sfonda l’isola pedonale: spari tra la folla, oltre 80 morti a Nizza

Una nuova strage ha colpito la Francia. Stavolta a Nizza, in Costa Azzurra, dove giovedì sera un camion ha travolto la folla sul lungomare, la celebre Promenade des Anglais, gremita per i fuochi d’artificio del 14 luglio, festa nazionale oltralpe, in cui si celebrano i valori della Rivoluzione Francese. Alla guida del mezzo c’era un uomo franco-tunisino, 31enne, residente a Nizza, ma nato nel Paese nordafricano che – fanno sapere le autorità – era noto alla polizia« per violenze, uso di armi, ma nessun fatto legato al terrorismo» riferiscono i media locali. «La Francia è afflitta, inorridita da questa tragedia, questa mostruosità» ma «la Francia è forte e sarà sempre più forte dei fanatici che oggi vogliono colpirla» ha detto il presidente Francois Hollande, aggiungendo che tra le vittime sono«tanti i bambini». Ed estendendo poi lo stato di emergenza in tutto il Paese per almeno tre mesi, si legge su “Il Corriere della Sera“.

Nizza: strage sul lungomare

Poco dopo il ministro dell’Interno Bernard Cazeneuve ha aggiornato il bilancio parlando di «80 morti, 18 feriti gravi e molti altri feriti». La Farnesina sta verificando la possibile presenza di italiani tra le persone coinvolte dall’attacco. Anche gli Stati Uniti fanno sentire la loro voce: il presidente Obama è vicino «alle famiglie e a coloro che sono stati uccisi», mentre la candidata alla Casa Bianca, Hillary Clinton avverte «che il mondo non si farà intimidire dal terrore». Il concerto di Rihanna che si doveva tenere venerdì sera nel nuovissimo Allianz, costruito apposta per gli Europei, è stato intanto cancellato.

L’attentatore era un francese di origini tunisine

Le generalità ancora non sono state diffuse ma si tratta di un uomo di origine tunisina, 31enne, noto alla polizia per piccoli reati ma non ai servizi anti-terrorismo come integralista. Le indagini sono ancora in corso per capire la presenza di eventuali complici. Sul camion sono state trovate molte armi, fucili e granate ma – secondo la rete all news i-Tele’, citando fonti vicine alle indagini. – erano «fittizie», e la granata «non operativa» . Tra le vittime della strage di Nizza ci sarebbe anche un «alto responsabile della polizia».