Bangladesh, un canadese a capo del gruppo Isis responsabile della strage

FacebookPrintCondividi

Sarebbe un canadese nato a Windsor, città dell’Ontario, il leader del gruppo bengalese affiliato all’Isis, responsabile della strage compiuta a Dacca. Il suo nome è Tamim Chowdhury e, secondo quanto riportato dal quotidiano The Daily Star nei giorni scorsi, il suo nome di battaglia sarebbe Shaykh Abu Ibrahim al-Hanif.  La branca bengalese dell’Isis, prima del massacro degli italiani a Dacca, ha compiuto oltre venti omicidi nel Paese nel giro di un anno e mezzo.

“È di Windsor. Ho parlato con alcune persone che lo conoscevano ma non si sa molto di piu'”, ha dichiarato Amarnath Amarasingam, docente al Resilience Research Centre della Dalhousie University ed esperto di terrorismo internazionale. L’associazione islamica di Windsor ha confermato che Chowdhury è di Windsor. Il numero di aprile del mensile dello Stato islamico Dabiq lo ha celebrato come nuovo ‘emiro’ del Bangladesh.

Intanto dal premier bengalese è arrivato un appello contro i jihadisti: Sheikh Hasina, rivolgendosi alla nazione in un messaggio trasmesso dalla televisione pubblica, ha dichiarato: “Vi prego di smettere di macchiare la nostra religione vi imploro di ritornare sulla retta via e di sostenere l’orgoglio dell’Islam”. Secondo la 68enne capo del governo belngalese, i terroristi che hanno organizzato gli attacchi di Dacca stanno cercando di rovinare il paese. “Prendono come ostaggi civili innocenti per trasformarci in uno stato fallito”, ha concluso.