«Abbandonate l’euro per salvare l’Europa»: l’appello del Nobel Stiglitz

“Dovete abbandonare l’euro per salvarvi”: Adesso lo dice anche Joseph Stiglitz, l’economista premio Nobel tanto caro alla sinistra. Un appello, il suo, affinche l’Europa abbandoni la moneta unica e torni così a macinare lavoro e futuro. Non un euroscettico, non un populista becero, non un lepenista ignorante e neppure un fascista nostalgico. No, adesso anche l’intellighenzia -cui guarda la sinistra de noantri- si sta accorgendo che la situazione economica in Europa volge sempre al peggio. Con i paesi del Mediterraneo che sopportano una disoccupazione giovanile al 40 per cento non si va da nessuna parte. Nè si può parlare di integrazione e di futuro. L’euro ha prodotto solo macerie. Ha devastato economie se non floride, almeno dignitose ed ha prodotto milioni di disoccupati e altrettanti impauriti e frustrati. L’euro è il problema. E fino a quando si girerà intorno al problema senza affrontarlo sarano guai. Guai seri epr i nostri giovani e per tutti noi. Ma ormai sono in tanti, non è solo Stiglitz a lanciare allarmi. L’ europeista francese, François Heisbourg, è un altro fortemente ostile alla moneta comune. E per spiegarlo fa quest’esempio: “Euro e solidarietà europea sono come due fratelli siamesi. Uno solo dei due potrà sopravvivere. E speriamo che non sia l’euro, che sta soffocando l’Europa”. Già, speriamo.