«Ti sfregio e ti brucio!»: ecco un altro marito violento. Arrestato a Milano

FacebookPrintCondividi

“Ti sfregio e ti brucio”. Accecato dall’ira un uomo a Milano ha minacciato di dar fuoco alla moglie, di sfregiarla con l’acido, di prenderla a martellate. Per questo, con le accuse di violenze fisiche e psicologiche che andavano avanti da anni, l’uomo di 34 anni è stato arrestato dalla polizia per maltrattamenti della moglie di 32. La donna è stata salvata da agenti della Polmetro che l’hanno accolta nel gabbiotto dell’Atm della stazione metropolitana di San Babila salvandola dal possibile sfregio. La donna lavora come addetta alle pulizia in zona Bande Nere, dove attorno alle 23 di ieri è stata raggiunta dal marito (e padre dei suoi figli di 8 e 12 anni) che l’ha prima accusata di essere responsabile della disgregazione della famiglia (poiché da un mese vive da un’amica con i figli per sfuggire alle violenze), l’ha palpeggiata, e infine l’ha minacciata (gridandole appunto “Ti sfregio e ti brucio”) mostrando una borsa in cui erano contenuti due trapani, un martello e due flaconi. La donna non si è però persa d’animo e lo ha convinto a raggiungere i figli. Così hanno preso assieme la metro Bande Nere (dove l’uomo ha abbandonato in un cestino il borsone) e sono scesi a San Babila, dove la donna è subito scappata verso gli agenti di polizia presenti in stazione. Il marito è stato bloccato poco dopo ed è stato arrestato per maltrattamenti e minacce, nonchè indagato per violenza sessuale.