La Russa: «Voterò scheda bianca, con il Pd mai». La Raggi? È il male minore

FacebookPrintCondividi

Mai con il Pd, mai con la sinistra. Al ballottaggio capitolino del 19 giugno Ignazio La Russa sceglierà la terza via: scheda bianca, dal momento che la sua candidata, Giorgia Meloni, è rimasta fuori dal secondo turno per pochi punti dopo aver a lungo tallonato Roberto Giachetti.

La Russa: scheda bianca, con la sinistra mai

In un’intervista al Tempo La Russa spiega la sua scelta: «Non è quella di non andare a votare, che non condivido mai, ma quella di votare scheda bianca». Il candidato renziano non è minimamente preso in considerazione, «quando fondammo Fratelli d’Italia, lo slogan era “mai con la sinistra”, ci separammo dal Pdl per dire no a un governo tecnico e ad accordi più o meno ufficiali  con la sinistra», spiega La Russa ammettendo che Giachetti «è brava persona, amichevole e simpatica», ma non è votabile. E Virginia Raggi? E gli elettori di centrodestra tentati dall’avvocatessa pentastellata? «Beh, non gli scomunicherei, del resto spesso non seguono le indicazioni di partito», risponde La Russa. Ma la Raggi ha le psysique du role per una missione Capitale? «L’ho conosciuta poco, mi pare un po’ monocorde “voi siete cattivi e noi buoni. Un po’ pochino per governare Roma. Un po’ io Tarzan tu Jane».

La Mussolini è una grande bugiarda

Addolorato per l’outing di Alessandra Mussolini che ha rivelato il complotto del Cavaliere per impedire a Giorgia Meloni di andare al ballottaggio, La Russa fa notare che nella migliore delle ipotesi la nipote del duce è una «grande bugiarda». «Usa questa bugia per smascherare il suoi flop, sua sorella Rachele, non capolista, è stata eletta nella lista civica per Giorgia Meloni. Nella peggiore delle ipotesi – conclude La Russa – vuole sempre smascherare il suo flop, ma dice la verità. E sarebbe davvero triste pensare che un partito con cui siamo alleati in molte città abbia lavorato per battere la Meloni. Mussolini, il nonno, non fu mai accusato di fare il killer per conto terzi, come Alessandra. Ora si starà rivoltando nella tomba».