Anche il Papa s’arrabbia: scomunicata la setta di una veggente ciociara

FacebookPrintCondividi

Delitto di scisma. Papa Francesco ha detto basta e la Congregazione per la Dottrina della fede (ex Sant’Uffizio) ha così scomunicato i fedeli del “Bambino Gesù” di Gallinaro, paesino di mille anime nella Valcomino, in provincia di Frosinone. Il provvedimento porta la data del 29 maggio, ma la notizia è divenuta ufficiale nella mattinata di oggi con la lettura in tutte le chiese della Diocesi di Cassino, Pontecorvo, Sora e Aquino del testo firmato dai Vicari generali diocesani, mons. Antonio Lecce e mons. Fabio Tamburrini. Il Vaticano ha ritenuto contraria alla fede cattolica la posizione del gruppo denominato “Bambino Gesù di Gallinaro” o “Nuova Gerusalemme” che, secondo quanto stabilito dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, «è impegnato a diffondere in diverse località dottrine falsamente religiose e insegnamenti biblici distorti ed estranei alla verità dei testi sacri». Da molti anni, circa venti, il “fenomeno” della Nuova Gerusalemme era finito sotto osservazione della Chiesa. «La posizione dottrinale di tale gruppo – si legge nel documento – è dichiaratamente contraria alla fede cattolica, in quanto obbliga i fedeli a non frequentare i sacramenti, a disapprovare gli insegnamenti e la stessa autorità del Papa, a non avere relazioni con i sacerdoti e le rispettive comunità parrocchiali, a trasgredire la disciplina ecclesiastica».

E’ la prima scomunica firmata da Papa Francesco

 

Nel testo si definisce come “pseudo- religioso” il gruppo che si è costituito il 4 ottobre 2015 come sedicente “chiesa cristiana universale della nuova Gerusalemme”. Per il Vaticano, le iniziative della sedicente organizzazione «sono in assoluta opposizione alla dottrina cattolica e pertanto nulla hanno a che fare con la grazia della fede e della salvezza affidate da Gesù Cristo alla Chiesa». La cappella del Bambinello di Gallinaro venne fatta costruire nel 1975 da Giuseppina Norcia, divenuta la “veggente”: la donna sostenne che due giorni prima della Comunione, nella primavera del 1947, la figlia ebbe un’ apparizione vedendo un Bambinello. Da allora, giorno dopo giorno, si è sviluppato il “fenomeno” del Bambino Gesù di Gallinaro che è diventato negli anni un grosso movimento turistico, con migliaia fedeli provenienti ogni settimana soprattutto dalla Campania. Ora a Gallinaro hanno iniziato a costruire l'”Arca della salvezza”, una struttura destinata all’ accoglienza dei pellegrini. Ma adesso il Vaticano ha detto basta con il provvedimento di scomunica “latae sententiae” per il delitto di scisma.