Il miracolo di Lettieri a Napoli: “Fermato De Magistris, ora si riparte…”

FacebookPrintCondividi

“E’ la prima volta che a Napoli un sindaco uscente non viene confermato al primo turno elettorale”: il primo commento è di Tiberio Brunetti, portavoce di Gianni Lettieri, candidato sindaco a Napoli. “Ora comincia la sfida per il ballottaggio. Zero a zero, palla al centro”, aggiunge Brunetti nel comitato elettorale di Lettieri che – conclude Brunetti – è “a casa con la famiglia e ci raggiungerà più tardi”. De Magistris è avanti con il 42,2%, seguito dal candidato del centrodestra Gianni Lettieri con il 24%. De Magistris e Lettieri vanno così al ballottaggio. Valeria Valente del Pd si ferma al 21%.

Lettieri spera di rimontare lo svantaggio su De Magistris

Dopo cinque anni si va verso una ripetizione del testa a testa fra Luigi de Magistris e Gianni Lettieri nella corsa a sindaco di Napoli, mentre il Pd, con Valeria Valente, è alle prese con un cattivo risultato e il M5S, con Matteo Brambilla, resta fuori la gara dei ballottaggi. Stavolta De Magistris e Lettieri si potrebbero presentare a parti invertite rispetto al 2011: il sindaco uscente chiude il primo turno in testa (con consensi intorno al 42%, secondo gli exit poll Ipr per la Rai) e Lettieri insegue (intorno al 24%). Cinque anni fa fu il contrario: Lettieri chiuse in vantaggio il primo turno (38,52% e scese al 34,62% al ballottaggio) e de Magistris fu costretto a un inseguimento che lo portò dal 27,52% del primo turno a conquistare il Comune partenopeo con il 65,38%.

Le denunce sugli aiutini ai seggi

“Stiamo avendo segnalazioni da più seggi, da Chaia al centro storico, di rappresentanti di lista o persone assolutamente estranee alle operazioni di voto, addirittura assessori ed ex assessori, che provano ad indirizzare il voto a favore del sindaco uscente – avevano denunciato in una nota i responsabili del comitato elettorale di Lettieri-  Al Vomero l’ex assessore Clemente con lo spillino fuori ai seggi a fare propaganda. Al seggio di via San Sebastiano a piazza Dante addirittura abbiamo segnalato un banchetto pro de Magistris intento a fare campagna elettorale, stesso problema in via Sant’Antonio a Capodimonte.  Si sta facendo campagna scorretta da parte di supporter demA, nei pressi di diversi seggi ci sono noti esponenti di centri sociali, soprattutto nella terza municipalità, che intimidiscono chi si reca al voto. L’assessore al Patrimonio del Comune di Napoli Sandro Fucito si è posizionato per diverso tempo fuori al seggio della scuola Piscicelli. Una vergogna ed uno spregio del diritto democratico di voto senza precedenti. La Prefettura e le forze dell’ordine e di polizia preposte intervengano e tengano alta la guardia. Noi ovviamente stiamo segnalando tutto alle autorità competenti”, era stata la denuncia messa nero su bianco a beneficio della stampa.