La Pascale: «Sento che andrà tutto bene, ma è Dio che comanda»

FacebookPrintCondividi

«Come sta? Lui è assolutamente sotto controllo. Io con le mie ansie da emotiva, sono elettrica. Però so anch’io che andrà tutto bene». Francesca Pascale, a colloquio con Repubblica, racconta l’Odissea di queste ore al San Raffaele, il buonumore del “presidente”, come continua a chiamare il suo compagno Berlusconi, che in attesa del delicatissimo intervento al cuore («poteva morire», ha confessato il suo medico di fiducia, Alberto Zangrillo) continua a fare battute e  a rassicurare gli altri. «Dal letto – dice la compagna del Cavaliere – sta facendo il medico per noi, ci sta calmando tutti, ci dice di essere positivi, fiduciosi e di stare uniti». La Pascale evita di entrare nel merito dello sciacallaggio degli avversari e delle polemiche con il cerchio magico, che ha minimizzato le condizioni di salute dell’ex premier sottoponendolo allo stress elettorale come se nulla fosse.

Pascale: andrà tutto bene, ma comanda Dio

Quanto all’indicazione perentoria di Zangrillo di lasciare la politica, la compagna di Berlusconi è scettica: «Conoscendolo, non credo. Rallenterà, certo. Ma resta presidente». Sull’intervento che l’ex premier dovrà subire per sostituire la valvola a ortica, la Pascale aggiunge: «Sento l’importanza di un’altra una cosa che viene dalla mia fede e dalla mia cultura popolare. Poter contare su bravissimi medici è fondamentale. È un grande privilegio. Ma è sempre Dio che comanda».

La solidarietà trasversale

Intorno al letto di Berlusconi al San Raffaele di Milano, oltre a Francesca, si danno il cambio tutti i figli, a fargli visita solo pochi privilegiati, tra questi Ghedini, Confalonieri e Letta, a distanza di sicurezza invece l’ex braccio destro Verdini. Allo sciacallaggio delle prime ore sui social è seguita la solidarietà trasversale. «Facciamo gli auguri a Berlusconi perché tutti speriamo che sia qualcosa senza troppe complicazioni», ha detto il candidato sindaco del centrosinistra a Milano, Giuseppe Sala. «Un pensiero affettuoso a Silvio Berlusconi. Lo aspetto presto, perfettamente guarito, di nuovo protagonista di grandi battaglie di libertà», scrive invece su Twitter Stefano Parisi, candidato sindaco per il centrodestra a Milano.

L’ira di Marina contro il cerchio magico

«Ma lo avete portato a votare?». «Ma lo avete portato a fare un comizio a Ostia mentre aveva già uno scompenso?. «Ma ha fatto campagna elettorale come se nulla fosse?». Nelle domande di Marina e di tutta la famiglia del Cavaliere esce allo scoperto una forte tensione con il “cerchio magico”, per come si è preso cura, o meglio non si è preso cura del padre. E per come ha condotto la vicenda negli ultimi giorni, negando fino all’ultimo la gravità delle condizioni di salute di Berlusconi.