La gioia di Parisi: “Grande rimonta del centrodestra, sfida aperta a Milano”

I buoni riscontri per il centrodestra a Milano fanno gioire, con moderazione, il candidato a sindaco Stefano Parisi. Il candidato del centrosinistra Giusepe Sala fa registrare un risultato sotto le aspettative, fermandosi al 41,6%, Parisi è al 40,9% e si giocherà la partita al ballottaggio.

“Siamo molto contenti, poi vediamo i dati veri. Il fatto che ci sarà il ballottaggio è già una partita aperta”, è il primo commento di Stefano Parisi, candidato sindaco del centrodestra a Milano, subito dopo la chiusura delle urne.  “Sono contento del lavoro che abbiamo fatto. In quattro mesi abbiamo recuperato una situazione dove sembrava che il centrosinistra avrebbe vinto al primo turno”, ha aggiunto Parisi, arrivando al comitato elettorale all’Hotel Marriott. A chi gli chiede se la partita per i ballottaggi è aperta, Parisi ha risposto: “Direi di sì”.

Parisi prosegue: “Solo tre mesi fa sembrava che il candidato del centrosinistra vincesse a primo turno. Pare che questo non succeda. Mi sembra che dai risultati ci sia una grande maggioranza di milanesi che hanno votato per il cambiamento. E noi siamo pronti a rappresentare questo cambiamento”. L’ex city manager di Palazzo Marino è arrivato a comitato elettorale alle 23 circa, quando la sala era già piena di cronisti, sostenitori e candidati delle liste che lo sostengono. Tra questi l’ex sindaco di Milano, Gabriele Albertini, che guida la lista civica per Parisi Sindaco.