John Kerry: «Momento difficile, ma non dobbiamo perdere la testa» (video)

FacebookPrintCondividi

«Il momento è difficile ma non bisogna perdere la testa. La rabbia non aiuterà a risolvere la questione della Brexit». È il senso del messaggio lanciato dal segretario di stato Usa, John Kerry, nel punto stampa tenuto con Federica Mogherini dopo la visita nella sede della Commissione Ue a Bruxelles. «È assolutamente essenziale che restiamo concentrati su come, in questo periodo di transizione, nessuno perda la testa, nessuno si esponga in modo imprudente e che la gente non vada avanti in modo sparpagliato o sulla base di premesse di vendetta».

Kerry e il voto britannico

Il voto nel referendum britannico «non è andato come il presidente Obama, io o l’alto rappresentante avremmo voluto, ma questa è la democrazia e rispettiamo il processo ed i diritti degli elettori. Ora spetta ai leader mettere in atto la volontà del popolo, in modo responsabile, sensibile, fruttifero e, spero, strategico», ha aggiunto Kerry, sottolineando che «gli interessi ed i valori in comune» tra Europa e Stati Uniti «non sono cambiati dopo il voto» di giovedì e per gli Usa è «cruciale che la Ue resti forte» e che «nel periodo transitorio nessuno perda la testa».