Hillary Clinton con i nervi a pezzi: «Trump è un pericolo per il mondo»

Hillary Clinton ora ha paura. Sa di rischiare grosso. La “grande favorita” per la Casa Bianca non è più tale, i sondaggi le hanno tolto il sonno. E lei perde il controllo, esagera, cerca di creare un clima di tensione: «Eleggere Donald Trump presidente Usa, nominarlo nostro commander in chief sarebbe un errore storico», urla. «E’ un pericolo per la sicurezza dell’America e del mondo, con quelle sue idee pericolosamente incoerenti». La scelta a novembre «è tra un’America impaurita, meno sicura e una America forte che tiene il suo popolo al sicuro».

Hillary Clinton straparla, Donald Trump reagisce

Con questo attacco sopra le righe Hillary Clinton cerca di rilanciare la sua sfida al tycoon di New York dopo che da settimane gli occhi sono rimasti incollati sull’esuberante candidato repubblicano in pectore. Eccola quindi la “dottrina Hillary”. Che cerca di criminalizzare le idee dell’avversario dall’intenzione di costruire un muro al confine con il Messico a quella di ricorrere alla tortura contro terroristi. Ai cavalli di battaglia di Trump, Hillary Clinton contrappone il suo curriculum da segretario di Stato. Un curriculum, però, molto contestato dagli stessi americani, che sono consapevoli degli errori commessi dall’azione di Obama. Ironica la risposta di Trump. «Cattiva performance della corrotta Hillary Clinton. Leggere male dal gobbo elettronico! Non ha neppure l’aspetto presidenziale», ha commentato  su Twitter «La corrotta Hillary non ha più credibilità. Troppi fallimenti quando era in carica (come segretario di stato, ndr). La gente non consentirà altri quattro anni di incompetenza», ha rincarato il tycoon sulla rete sociale, accusando l’ex first lady di aver completamente distorto le sue posizioni in politica estera.