Egitto: l’ex presidente Morsi condannato all’ergastolo

FacebookPrintCondividi

Ergastolo all’ex presidente egiziano Mohamed Morsi, espressione dei Fratelli musulmani, nel processo per spionaggio per il Qatar. Lo ha deciso oggi un tribunale del Cairo. Morsi è accusato di aver passato segreti militari a Doha. Nello stesso processo sono state condannate a morte sei persone, di cui due impiegati di Al Jazeera. In Egitto la pena dell’ergastolo è pari a 25 anni di reclusione.

Morsi è stato eletto dopo la primavera araba

Le sentenze odierne, emesse dalla Corte d’assise del Cairo, sono appellabili. I due dipendenti di Al Jazeera sono stati condannati in contumacia. Quella di oggi non è la prima condanna nei confronti del deposto presidente. Nei cinque procedimenti a suo carico Morsi è già stato condannato a morte, all’ergastolo e a 20 anni di carcere, ma ha già presentato ricorso contro queste tre sentenze. C’è poi un quarto processo per oltraggio alla magistratura, ed infine quello odierno sullo spionaggio a Doha, in cui ha ottenuto complessivamente 40 anni, sommando l’ergastolo e una seconda condanna a 15 anni. Morsi è stato il primo presidente egiziano eletto dopo la caduta del rais Hosni Mubarak nel 2011 a seguito della Primavera araba. Dopo circa un anno di governo e per impedire un’islamizzazione delle istituzioni egiziane, il presidente venne destituito a seguito di una rivoluzione popolar-militare guidata dall’attuale presidente Abdel Fattah al Sisi.