Daniela Santanché: «Senza Lega e FdI non si vince, bisogna ammetterlo»

FacebookPrintCondividi

«Il centrodestra unito è competitivo. Ma bisogna ammettere che senza Lega e Fratelli d’Italia non si vince». Per la parlamentare di Forza Italia Daniela Santanché, intervistata dalla Stampa, «da questa tornata il centrodestra ne esce rinfrancato. Possiamo dire che da domani inizia una nuova fase. Credo che adesso sia necessario fare chiarezza. Dobbiamo essere opposizione senza se e senza ma. I cittadini vogliono posizioni nette. Il segnale del primo turno – sottolinea la Santanché – è chiaro: basta ondeggiare».

Daniela Santanché: le primarie non mi convincono

«Forza Italia resta il primo partito della coalizione. Non lo siamo in alcune città dove utilizziamo temi di sinistra», dichiara ancora Daniela Santanché. Sulla possibilità che Salvini sostituisca la leadership di Berlusconi, «lo decideranno gli elettori chi sarà il nuovo leader del centrodestra». Quanto al metodo, «non mi appassionano le primarie come strumento per selezionare la classe dirigente. Soprattutto quelle “fai da te” del Pd».