Brunetta- Vespa atto secondo: «Porta a Porta scorretta, la Vigilanza che fa?»

FacebookPrintCondividi

Il presidente dei deputati di Forza Italia, Renato Brunetta, non demorde e presenterà nei prossimi giorni un’interrogazione al presidente della Commissione di Vigilanza sulla Rai, Roberto Fico, in merito alla puntata della discordia di “Porta a Porta” andata in onda su Rai Uno in prima e in seconda serata lo scorso 23 giugno (giorno del referendum sulla Brexit in Gran Bretagna), che i telespettatori bben ricordano per la lite furibondo tra il parlamentare azzurro e il conduttore. Brunetta intende andare avanti e chiedere chiarimenti sulla gestione del programma da parte del conduttore Bruno Vespa. «In particolare – afferma Renato Brunetta – chiederemo spiegazioni sul totale sbilanciamento dell’intera serata a favore del “remain”, con ospiti e servizi tutti orientati per la Gran Bretagna nell’Unione europea». In particolare Brunetta vorrebbe andare a fondo sul comportamento del conduttore che a suo avviso non avrebbe rispettato la deontologia professionale e la correttezza, la completezza e l’imparzialità dell’informazione «nei confronti degli ospiti politici rappresentanti dei maggiori gruppi parlamentari di opposizione, e non mi riferisco solo al sottoscritto ma anche alla senatrice Barbara Lezzi del Movimento 5 Stelle». La Commissione di Vigilanza ha l’obbligo, prosegue, «di esprimere un parere chiaro e deciso in merito a quanto avvenuto, e a convocare, auspicabilmente, il conduttore Bruno Vespa per una audizione davanti all’organo di controllo parlamentare sui servizi radiotelevisivi pubblici».