Berlusconi: «Dopo le amministrative il centrodestra tornerà compatto»

FacebookPrintCondividi

«Non ho timore» sul fatto che le elezioni a Roma abbiano danneggiato «la continuità del centrodestra, siamo tutti consapevoli che uniti si vince e divisi si perde. Oggi c’è in Italia c’è un passaggio dal bipolarismo al tripolarismo, con l’affermazione del M5S, ed è una situazione che il centrodestra può affrontare positivamente solo con una grande collaborazione tra Fi, Lega e altre formazioni» dell’area. Lo afferma a Radio Centro Suono Sport il leader di FI Silvio Berlusconi.

Berlusconi su Renzi e Marchini

La sfida è importante. «C’è un governo abusivo e illegittimo, è una situazione pericolosa e per questo guardiamo al referendum di ottobre con la speranza che il No superi il Sì», aggiunge Berlusconi. «Renzi è un grande comunicatore ma è un politico di professione, ha fatto solo il politico mentre io ho fatto tante altre cose. Ed è preoccupante come lui occupi militarmente tutte le posizioni che esistono nelle aziende pubbliche, anche nella tv pubblica». E su Roma: «Vedo una differenza enorme tra quello che potrà fare Alfio Marchini e tutti gli altri candidati che non hanno alcuna esperienza di lavoro. I romani votino con il buonsenso, nell’interesse di Roma e al di là delle loro simpatie politiche». Marchini successore del Cav? «Non è mai stata considerata questa possibilità anche perché amministrerà Roma per i prossimi 5 anni», sottolinea Berlusconi che osserva: «Penso che il mio successore ce l’abbiamo già in casa e prima o poi verrà fuori ma verrà fuori al momento giusto».