Badante ucraina “infedele” svaligia la casa in cui lavora: arrestata

FacebookPrintCondividi

Era arrivata a servizio di quella famiglia romana da pochi giorni e già aveva chiesto di poter essere liquidata e di andarsene. Già questo era bastato ad insospettire un familiare della coppia di coniugi presso i quali la badante, una ucraina di 31 anni, aveva appena cominciato a lavorare; quando poi la donna, pronta ai saluti, si è diretta verso la porta con un bagaglio particolarmente voluminoso, l’uomo incaricato di occuparsi della questione economica della faccenda ha trovato la conferma che cercava ai suoi dubbi…

Badante ucraina svaligia la casa in cui lavora

Insomma, a conti fatti, ha davvero scelto poco oculatamente  le sue vittime la giovane badante ucraina, arrestata sabato dalla polizia, dopo aver svaligiato l’abitazione delle persone per cui lavorava appena da pochi giorni. La ragazza, a pochissimo dal suo arrivo presso una famiglia che abita nella periferia nord della capitale, adducendo una scusa qualunque aveva chiesto di essere “liquidata” perché intendeva lasciare il lavoro. Ad occuparsi della questione economica, come anticipato, è stato chiamato in causa un familiare che, guarda caso, è anche un poliziotto con più di 20 anni di servizio il quale, stupito dalla immediata richiesta di licenziamento, e accortosi del notevole bagaglio della donna, si è insospettito a dovere.

Un parente poliziotto scopre tutto

A dare la spinta finale alla risoluzione del caso, poi, ha contribuito anche il nervosismo della ragazza, che ha definitivamente accreditato quello che era un sospetto dell’agente divenuto col passare delle ore una vera e propria certezza; a quel punto, “vestiti i panni” del poliziotto, l’uomo ha eseguito una perquisizione e ha scoperto che la donna, non solo aveva rubato oro, argento ed orologi, ma aveva fatto razzia anche di abbigliamento e accessori dei suoi ignari datori di lavoro. A quel punto il poliziotto, insieme ai colleghi del commissariato Flaminio, diretto dalla dottoressa Pamela De Giorgi, hanno proceduto all’arresto della sedicente badante ucraina che si presenterà di fronte al Giudice del Tribunale di Tivoli proprio questa  mattina.