Trump pubblica un video incendiario: due donne accusano Bill Clinton di molestie

FacebookPrintCondividi

Donald Trump gioca sempre più pesante e va all’attacco di Bill Clinton, sulla scia del caso Lewinsky, per inchiodare Hillary sul cavallo di battaglia  dell’avversaria: le donne. Il tycoon rimasto ormai unico candidato rpubblicano in lizza – rende noto il Washington Post – ha pubblicato su Instagram un video “incendiario” con la registrazione vocale di due donne che accusano l’ex presidente di aggressione sessuale. «Apprezzato» in poche ore da 32mila persone e circolato tra 8milioni di follower, il video contiene immagini e voci in un montaggio «drammatico». Nel filmato, dal titolo “Hillary sta veramente proteggendo le donne?”,  scorrono le immagini di Bill e della Casa Bianca e poi si sentono le voci di due donne, note accusatrici di Clinton, che denunciano di aver  subito molestie sessuali dall’ex presidente, ritratto in sovrimpressione con un sigaro in bocca. Dopo le testimonianze audio delle donne si vede Hillary e si sente la sua voce che ride. Le donne sono due note accusatrici dell’ex inquilino della Casa Bianca, Juanita Broaddrick e Kathleen Willey.  Broaddrick accusò Clinton di un’aggressione risalente al 1978, quando lavorava alla sua campagna per governatore dell’Arkansas. Accuse sempre negate da Clinton, che ha respinto anche quelle mosse da Willey, relative al periodo in cui era già alla Casa Bianca.

Trump: sono pronto a giocare duro

«Hanno detto di me cose veramente odiose. E io non voglio affatto battermi su questo piano. Non voglio, affatto. Ma hanno detto di me cose veramente odiose», spiegava recentemente Trump in un’intervista al Washington Post dopo essere stato accusato di molestie sessuali. «E se fanno questo giocherò a qualunque livello dovrò giocare. Credo di averlo dimostrato». Il portavoce della campagna di Hillary Clinton, Brian Fallon, si è limitato a parlare su Bloomberg TV di attacchi che si inquadrano in una «strategia che punta a distrarre da una campagna fondata sugli argomenti, la campagna che vogliamo condurre noi…Per me, ogni giorno che dedica a questo tipo di temi è un’occasione persa per lui rispetto a ciò che deve fare per migliorare i propri risultati». Che sono più che lusinghieri: mai come ora, a 169 giorni dalle elezioni,  Trump è sembrato così vicino alla Casa Bianca. Per la prima volta ha superato Hillary Clinton nella media dei sondaggi, con margine medio di +0,2%. I