Trump mette la freccia e per la prima volta nei sondaggi sorpassa Hillary

Trump supera la Clinton. Adesso anche – e per la prima volta – nei sondaggi. E Hillary oltre alla progressiva e inarrestabile rimonta di Donald Trump, deve guardarsi pure dal rilancio della sfida da parte del suo rivale democratico Bernie Sanders, che ha ipotizzato di assegnare la nomination escludendo i superdelegati, ossia i dirigenti del partito. Dopo averla gia’ superata in alcune singole rilevazioni, Trump ha superato per la prima volta l’ex segretario di stato anche nella media dei sondaggi di RealClearPolitics: 43,4% contro 43,2%. Un vantaggio di soli 0,2 punti percentuali ma che conferma una tendenza recente. Anche un sondaggio targato Wall Street Journal/Nbc News (i media che sostengono la Clinton) ha dovuto rilevare che il tycoon ha ridotto il distacco: 46% a 43%, un dato che rappresenta il margine piu’ basso dopo il vantaggio di 11 punti che l’ex first lady aveva in aprile e che segna il suo primo calo sotto il 50% in un possibile duello con Trump. Sondaggi da prendere con le pinze: perche’ quelli su scala nazionale valgono poco in elezioni presidenziali dove conta vincere i singoli stati e perche’ Hillary sconta ancora la concorrenza di Sanders, mentre i repubblicani hanno cominciato a fare quadrato sul loro unico candidato, anche se restano alcune resistenze e opposizioni, pure tra i maggiori finanziatori del partito repubblicano. Ma per l’ex first lady si tratta di segnali preoccupanti. A inquietare ancora di piu’ Hillary e’ il fatto che invece il suo rivale interno Sanders gode di un rating piu’ positivo che negativo: 49% contro il 41%. Il dato davvero preoccupante per la moglie di Bill Clinton è che mentre Trump sarà incoronato alla convention repubblicana lei dovrà arrancare ancora non poco per convincere e accaparrarsi i voti necessari alla sua candidatura. Energie e denari ancora da spendere che potrebbero rivelarsi un bel vantaggio per The Donald.