Sicurezza stradale, la Germania litiga per i semafori anti-smartphone

FacebookPrintCondividi

In Germania si litiga per i semafori anti-smartphone. Costano troppo e fanno discutere i cittadini i nuovi semafori nell’asfalto ideati per evitare che i pedoni, distratti dai cellulari: la sperimentazione è partita a fine aprile a seguito di un grave incidente nel quale ha perso la vita una giovane, travolta da un tram.

I semafori anti-smartphone dividono la Germania

Si tratta di impianti luminosi a Led, posizionati a terra, che ripetono il rosso della lanterna. Il funzionamento è semplice: agli incroci all’accendersi del rosso dei led luminosi dello stesso colore sistemati a terra iniziano a lampeggiare, così da attrarre l’attenzione di chi cammina con lo sguardo abbassato. La novità, per il momento, è stata installata solo presso due attraversamenti della linea tranviaria, in attesa che, polemiche permettendo, vi sia la conferma della sua validità. A una parte della cittadinanza proprio non va giù che l’amministrazione spenda 10.000 euro per impianto a causa della maleducazione dei giovani, che anche sui mezzi pubblici «disturbano telefonando ad alta voce», come hanno sottolineato alcuni cittadini intervistati dal giornale locale Augsburger Allgemeine. I ragazzi, invece, hanno manifestato un certo interesse per l’idea che comunque accresce la sicurezza degli utenti della strada. Un problema, quello delle persone che attraversano pericolosamente la strada distratte dall’utilizzo di smartphone e auricolari, che si avverte in maniera preoccupante anche nella ligia e rigorosa Germania. Il caso ha fatto molto scalpore tanto che l’amministrazione comunale ha pensato, appunto, di correre ai ripari ideando il semaforo anti-cellulare.