Salvini: «I baci e gli abbracci tra Renzi e la Merkel mi hanno fatto schifo»

FacebookPrintCondividi

«Dovrei rispondere che non sono pronto a fare il premier perché conosco i miei limiti e i miei difetti Ma se guardo ciò che non ha fatto Renzi, se vedo i mediocri di cui si è circondato, penso che la mia squadra farebbe cose migliori per l’Italia rispetto alla cricca che c’è adesso al governo». Lo afferma ai microfoni di Radio Cusano Campus il leader della Lega Nord Matteo Salvini rispondendo a chi gli chiede se sia pronto a fare il premier. «In politica – spiega Salvini interpellato sull’intervista al Corsera di Umberto Bossi – come nella vita, contano i valori e i numeri. Tu puoi avere le idee e il prodotto più buoni del mondo, ma se non ti sceglie nessuno rimani da solo. Se qualcuno pensa che il futuro dei romani sia un candidato sostenuto da Berlusconi, da Bossi, da Casini, da Fini, sbaglia. Io invece voglio investire sul futuro. I leader li scelgono gli elettori, che mi dicono che non vogliono più marmellate e minestroni. Tiro dritto con delle idee che guardano avanti e non al passato».

Deutsche Bank, Salvini: «Baciare la Merkel è un suicidio»

Naturalmente Salvini non può non commentare l’inchiesta che sta investendo la Deutsche Bank che porterebbe a formulare un complotto finanziario contro l’Italia: «L’abbraccio e i baci in bocca tra Renzi e Merkel mi hanno fatto schifo. La Germania fa lezioni agli altri, dice che non possiamo salvare le banche italiane, quando loro invece salvano le loro. Dicono che non si possono chiudere i confini, quando invece loro controllano bene chi entra e chi esce. Baciare e abbracciare la Merkel mi sembra servile, meschino e suicida», ha continuato da Radio Cusano Campus il leader della Lega Nord Matteo Salvini, che  è il capolista della Lega per le elezioni amministrative nel Comune di Milano, come era stato annunciato da tempo. La lista é stata presentata agli uffici comunali dal segretario milanese del partito Davide Boni. Le firme raccolte dalla lista sono circa 1.400. Il secondo in lista dopo Salvini è Alessandro Morelli, attuale capogruppo del Carroccio al Consiglio comunale.