Salvini: «A Bologna hanno paura del mio libro? Me lo presento da solo»

FacebookPrintCondividi

Bologna off  limits per la Lega? Ma quando mai, Matteo Salvini non si arrende alle minacce dei centri sociali della città emiliana. «Nei prossimi giorni vado a Bologna per presentare il mio libro ma al momento non c’è una libreria disponibile ad accogliere la presentazione…». Lo rivela il leader leghista nel corso di un’intervista a Radio Padania, «ma è possibile che per la paura di 50 violenti dei centri sociali che minacciano di sfasciare, nel 2016 non si possa presentare un libro nella città con la Università più antica del mondo?». Il riferimento è al blitz alla Feltrinelli degli antagonisti del collettivo Hobo che nel giorno della sua visita bolognese, dello scorso 5 maggio, hanno fatto a pezzi alcune copie della biografia di Salvini  in vendita nella libreria. Un gesto che ha portato alla denuncia di sette attivisti, poco più che ventenni, immortalati dalle videocamere mentre compivano il civile gesto di disapprovazione verso Salvini, giudicato un pericoloso razzista da mettere al bando. «Ma io – avvisa  Salvini – mica mi arrendo, mi prendo 50 copie del libro e vado e presentarle davanti al Municipio».