La Russa e Buonanno non diffamarono i rom: denuncia archiviata

Nessuna esternazione razzista e nessun insulto ai Rom da parte dell’europarlamentare leghista Gianluca Buonanno e del leader di Fratelli d’Italia Ignazio La Russa: il gip del Tribunale di Massa Antonia Aracri ha firmato l’ordine di archiviazione del procedimento avviato a seguito di una querela di Marcello Zuinisi, responsabile dell’Associazione Nazione Rom. Zuinisi aveva denunciato i due politici, per razzismo e diffamazione, dopo aver ascoltato una loro intervista a ‘La Zanzara’, programma di Radio 24, ma il gip non ha ritenuto quelle dichiarazioni diffamanti. “Buonanno – si legge nell’ordinanza di archiviazione – ha distinto tra Rom in gamba e Rom delinquenti, concentrando le sue critiche solo sulla seconda categoria” e quanto a La Russa “ha parlato di Rom dediti ai delitti contro il patrimonio e Rom che scelgono un percorso improntato alla legalità”. Secondo il giudice “in nessuno dei casi viene posta in discussione l’etnia” e “non si configura un attacco unilaterale all’etnia Rom”, pertanto “si ritiene infondata la notizia di reato”. Nazione Rom si è dichiarata pronta al ricorso in Cassazione per “chiedere un giusto processo contro i due politici”.