Riammessa la lista di FdI a Milano: «Abbiamo trovato un giudice a Berlino»

Il Consiglio di Stato, riformando la sentenza del Tar Milano, ha accolto l’appello proposto da Fratelli d’Italia riammettendo la lista alla competizione per l’elezione del Consiglio comunale di Milano. La lista di FdI era stata esclusa per mancata presentazione delle dichiarazioni di assenza delle cause di incandidabilità. L’esclusione – informa una nota – è stata ritenuta «illegittima in quanto è risultato che tali dichiarazioni fossero state depositate complete in tutti gli elementi il giorno successivo, e il ritardo fosse da addebitare a un comportamento della stessa amministrazione». I giudici di Palazzo Spada hanno sottolineato poi nella sentenza il principio democratico della massima partecipazione alle consultazioni elettorali nei casi in cui le liste siano in possesso di tutti i requisiti sostanziali e formali essenziali previsti dalla legge.

La soddisfazione degli esponenti di FdI

Ignazio La Russa ha subito espresso la «grande soddisfazione» di FdI per la decisione del Consiglio di Stato: «Abbiamo trovato un giudice a Berlino. Ho visto una sezione del Consiglio di Stato priva di pregiudizi che ha voluto affrontare il caso con assoluta serenità. Ringrazio tutti, a partire dagli avvocati stessi e ringrazio anche il Tar che, respingendo con miopia il ricorso da noi presentato, ci ha regalato qualche giorno in più di gratuita pubblicità». «E’ la vittoria degli elettori e della democrazia sulla burocrazia – ha dichiarato Riccardo De Corato – Chi mi voleva far fuori senza nemmeno giocare la partita rimarrà deluso».