Ragazza carbonizzata alla Magliana: la Procura indaga per omicidio

FacebookPrintCondividi

La Procura di Roma ha avviato un’inchiesta sulla morte della ragazza romana di 22 anni trovata semi-carbonizzata e procede per omicidio volontario. Gli accertamenti sono coordinati dal procuratore aggiunto Maria Monteleone. Il ritrovamento del corpo della ragazza è avvenuto alla Magliana. I vigili del fuoco Erano stati chiamati poco prima delle 5 di notte dai residenti che parlavano di un incendio di sterpaglie nei pressi della fermata Atac di Casale del Merlo. Ma, una volta arrivati sul posto e spente le fiamme che stavano divorando la macchina, una Toyota, i pomieri  si sono accorti che duecento metri più in là, dietro un cespuglio del parcheggio del ristorante trattoria La Tedesca di via della Magliana, 1125, alla periferia di Roma, c’era il corpo di una ragazza  carbonizzata. La giovane, una ventenne romana, aveva parlato al telefono un paio d’ore prima, intorno alle 3 e 30 di notte con la madre che l’aveva chiamata preoccupata perché non la vedeva rientrare a casa. “Ora torno”, l’aveva rassicurata la ragazza che aveva avuto in prestito l’auto dalla madre. Poi più nulla. Tanto che i genitori, preoccupati, si erano rivolti alla polizia. Poi la macabra scoperta.
Sul posto, oltre alla polizia – sono in corso indagini della Squadra mobile di Roma – i genitori disperati della giovane. Le prime ipotesi parlano di un incidente, forse un guasto del’auto che avrebbe provocato l’incendio. Il rogo, infatti, secondo i vigili del Fuoco, non sarebbe doloso ma accidentale.