Paura a Roma, esplosione e crollo di una palazzina a La Rustica: 4 feriti

La notizia dell’esplosione in un palazzo alla periferia di Roma irrompe nelle prime ore della domenica mattina, ma i dettagli sulla vicenda continuano a deflagrare nel corso della giornata, incessantemente. Esplosione e crollo dello stabile in via Palata, in zona La Rustica, alla periferia della capitale, hanno fatto presupporre fin qui le cause più disparate e le conseguenze più nefaste: per fortuna, però, nulla di tutto ciò viene confermato via via che le ore passano, e che i soccorsi intervenuti tempestivamente – sul posto sono accorsi subito 8 squadre dei vigili del fuoco e la polizia – aggiornano la notizia.

Esplosione e crollo di una palazzina: 4 feriti estratti dalle macerie

Il bilancio dell’incidente, dunque, registra 4 persone soccorse in seguito all’esplosione e al crollo. Dalle prime informazioni sembrerebbe che i 4 si trovassero in un locale nel sottoscala, adibito ad appartamento, e che ha ceduto immediatamente dopo il boato. In ogni caso i quattro sono stati estratti dalle macerie e affidati al 118; nel frattempo l’intera palazzina è stata evacuata. Secondo quanto si è fin qui appreso il 118 di Roma, diretto da Livio De Angelis, ha trasportato tre pazienti in codice rosso e uno in codice giallo in quattro diversi ospedali della città. Sembrerebbe che nessuno sia in pericolo di vita. Intanto i vigili del fuoco sono ancora al lavoro. I pompieri stanno continuando a cercare tra le macerie per scongiurare che ci siano altre persone coinvolte.

Le ipotesi al vaglio: aperto un fascicolo contro ignoti per disastro colposo

Dalle prime informazioni, sembra che il crollo sia avvenuto dopo un’esplosione e che si sia verificato al piano seminterrato. “Abbiamo sentito un forte boato, sembrava una bomba”, avrebbero riferito infatti ai soccorritori alcuni abitanti della palazzina crollata parzialmente dopo l’esplosione. E assieme al fumo e alla polvere, nell’aria circostante esplosione e crollo si è respirata fino a poco fa anche tanta paura. Una paura confermata dalle famiglie residenti in quella palazzina evacuata immediatamente dopo l’incidente. Un incidente che, come detto, poteva provocare anche di peggio e che, in base alle prime verifiche dei vigili del fuoco, sembra abbia causato preoccupanti danni alle strutture portanti dello stabile. Nell’indagine si parte ovviamente dalle cause: tra le ipotesi al vaglio, allora, quella principale è che l’esplosione sia stata provocata da una caldaia o da una bombola di gpl. La procura ha aperto un fascicolo e il pm Francesco Dall’Olio procede contro ignoti per disastro colposo. All’origine del crollo, secondo quanto fin qui accertato, sembra ci sia stata una fuga di gas. I vigili del fuoco stanno infatti tuttora cercando di capire da quale parte del seminterrato sia avvenuta la deflagrazione.