Nuova condanna per Moggi: diffamò un carabiniere dandogli del bugiardo

FacebookPrintCondividi

L’ex dg della Juventus Luciano Moggi è stato condannato oggi a mille euro di multa per aver diffamato l’allora tenente colonnello dei carabinieri Attilio Auricchio, uno degli investigatori nella maxi inchiesta su Calciopoli, in occasione di una sua partecipazione a “Porta a Porta”. La sentenza è stata emessa dal giudice monocratico di Roma Angelo Giannetti. Moggi è stato condannato anche a versare 20 mila euro ad Auricchio, attuale capo di gabinetto del sindaco di Napoli Luigi De Magistris, sotto forma di provvisionale. Il giudice ha anche disposto che il risarcimento dei danni sia deciso in separata sede. Nel corso della puntata di “Porta a Porta” del 14 gennaio 2009, Moggi, secondo l’accusa, offese la «reputazione e l’onore di Auricchio – è detto nel capo di imputazione – indicandolo come “un ufficiale dei carabinieri che ha mentito sapendo di mentire” facendo riferimento alle indagini su calciopoli». Da qui la denuncia diffamazione presentata da Auricchio con l’assistenza dell’avvocato Diego Perugini. Il difensore di Moggi, Matteo Melandri, ha espresso amarezza per la sentenza annunciando che chiederà la “sospensione della provvisionale poiché non si capisce che tipo di danno materiale abbia subito Auricchio”.