Milan in vendita. Berlusconi conferma l’intenzione di cedere il Diavolo

FacebookPrintCondividi

Il Milan è davvero in vendita. Stavolta è Berlusconi che lo conferma. Direttamente. “A chi mi dice che bisogna vendere io rispondo che ci sto provando da un anno ma che voglio lasciare il Milan in buone mani e in mani che gli garantiscano un futuro da protagonista. E preferibilmente in mani italiane”. L’ex premier e presidente del Milan esce allo scoperto con un video messaggio pubblicato sul suo profilo Facebook. Ecco che perciò riprendono slancio tutte le voci di cessione imminente della squadra. Ad Arcore, nella villa dell’ex premier, nelle prossime ore sarebbe previsto un incontro tra gli advisor dei gruppi finanziari orientali interessati all’acquisto del Milan e Silvio Berlusconi in persona. Il quale ha voglia di capire, di approfondire, di vederci chiaro. Il patron del Milan vuole conoscere di più sull’identità della conglomerata cinese che fino ad ora si è nascosta dietro le spalle forti e navigate dell’advisor italoamericano Sal Galatioto e della sua GSp (Galatioto Sports Group). Ha ancora tanti dubbi il Cavaliere, ma nelle ultime ore sembra disposto a venire incontro alla Evergrande Real Estate Group, nome anticipato in esclusiva dal corrieredellosport.it, e agli altri gruppi finanziari interessati all’acquisto. Gruppi che sarebbero almeno sei e tra i quali perciò potrebbe celarsi anche qualche investitore italiano. Fatto che spiegherebbe la decisione di Berlusconi di uscire per la prima volta pubblicamente allo scoperto, tramite la sua pagina Facebook, e di confremare l’intezione di cedere, dopo trent’anni, il Diavolo rossonero.