Meloni smentisce ogni voce di ritiro. E i sondaggi la premiano ancora

FacebookPrintCondividi

«Non intendo ritirarmi; non so chi metta in giro queste voci, ma ciò dimostra che mi temono e quindi la campagna elettorale va bene». Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia e candidata sindaco di Roma, smentisce seccamente qualunque ipotesi di un suo ritiro. Lo ha fatto ieri sera, dal VI municipio della Capitale, dove presentava il libro “Profugopoli” di Mario Giordano. La voce che l’ex ministro della Gioventù potesse ritirarsi dalla competizione per «ripristinare» l’unità della coalizione di centrodestra era girata due giorni fa, proveniva da ambienti della destra romana ed era stata confermata da dentro il Pd, si legge su “Libero“.

«Macché, è più probabile che si ritiri Roberto Giachetti, allora», ha scherzato la leader di Fdi.

È stato lo stesso Matteo Salvini, leader della Lega, a smentirne un’altra, cioè che lui fosse pronto a “ritornare” su Alfio Marchini, che risultò il più votato alle “gazebarie” del partito che servirono soprattutto a bocciare la candidatura di Guido Bertolaso: «Giorgia arriverà al ballottaggio», ha garantito. L’ex ministro della Gioventù, che ha iniziato la sua carriera politica dentro Azione giovani ed è stata vicepresidente della Camera, ha annunciato che, di qui al voto, cambierà registro: «Ce cosa importa alla gente della Mussolini, Marchini o Berlusconi? Ve lo dico io: niente. Quindi non parlo più dei problemi che riguardano i partiti e i politicanti, ma voglio parlare dei problemi della gente. Esattamente quello che faccio oggi discutendo di immigrazione, rom, e di campi da smentellare», ha aggiunto.

Meloni: “voglio parlare dei problemi della gente”

Meloni prende pubblicamente le distanze da un pezzo di “politica”, anche di destra, che non le piace: «Io non ho niente di cui unirmi con Pier Ferdinando Casini, Angelino Alfano, Gianfranco Fini, Gianni Alemanno e un sacco di altra gente. Voglio rappresentare una politica credibile», ha tagliato corto, sancendo ancora una volta la lontananza con l’ex leader di An e l’ex sindaco di Roma. Fatto sta che la sua campagna elettorale, le continue incursioni sulle piazze e nei mercati sembrano piacere agli elettori: una rilevazione di Deligo commissionata proprio da Fdi mostra una crescita dei consensi per la candidata e un sostanziale calo, pari a -2,9%, per l'”altro” centrodestra.