Cinque le liste a sostegno di Giorgia Meloni. Con alcune sorprese

FacebookPrintCondividi

Il candidato sindaco di Roma Giorgia Meloni ha presentato in una conferenza stampa le cinque liste che la sostengono nella corsa al Campidoglio. Oltre alla lista principale di Fratelli d’Italia, che non ha capolista ma nomi in ordine alfabetico, a sostegno del candidato di centrodestra ci sono anche la “Lista civica con Giorgia” con a capo Turchese Baracchi formata solo da non politici e «tra cui c’è Liana Gigliozzi, figlia di una vittima del nazismo», ha detto Baracchi, la lista “Lega Noi con Salvini” capitanata da Irene Pivetti, il Partito liberale italiano senza capolista e la federazione popolare per la libertà che ha come capolista Giuseppe Cossiga, figlio dell’ex presidente della Repubblica. Molti i nomi, molte le sorprese oltre alla già nota presenza di Rachele Mussolini.

Liana Gigliozzi a sostegno di Giorgia Meloni

Antonio, il padre di Liana Gigliozzi, candidata come detto a sostegno di Giorgia Meloni,  era il proprietario di un bar in via Rasella e fu ucciso alle Fosse Ardeatine. Liana, in alcune dichiarazioni raccolte nel libro Achtung banditen scritto da Rosario Bentivegna e Alessandro Portelli, sottolinea la responsabilità dei gappisti che fecero l’attentato: «Lo sapevano che andavano incontro al rischio» di rappresaglia, «che avevano a che fare con bestie più bestie di loro». Fratelli d’Italia formalizzerà all’ufficio elettorale di Roma le liste dei candidati al consiglio comunale e ai municipi. A renderlo noto il responsabile delle liste di Fratelli d’Italia che si è comunque presentato all’ufficio elettorale di via Petroselli.

La più giovane candidata, classe ’88, si chiama Giacinta Ruspoli ed è la figlia del principe Sforza Ruspoli; sempre civica è la candidatura di Rachele Mussolini, nipote del duce, di Rosario Vitarelli primo dirigente della divisione anticrimine della questura di Roma e capo dell’osservatorio legalità e sicurezza della Regione Lazio, di Ashraf Saber soprannomimato “nubiano di Roma” figlio di padre egiziano, musulmano, e da madre italiana, cristiana.