Il Grana Padano denuncia “Beautiful”: «Ha denigrato il nostro prodotto»

Una grana per Beautifulè il caso di dire. Il  Consorzio del Grana Padano dopo un’attenta analisi della questione, ha deciso di denunciare la produzione di Beautiful, la celebre soap-opera americana che da anni viene trasmessa su Canale 5. La faccenda potrebbe avere dell’incredibile ma, a quanto pare, i legali del Consorzio affermato che si tratta di una questione denigratoria vera e propria. Tutto è legato ad una sequenza della soap nell’episodio del 28 aprile scorso quando, Charile Webber (Dick Christie) che nella soap è il compagno della sorella di Stephanie Forrester (da tempo passata a migliar vita), esclama :«Oh, no, ho comprato il Grana Padano! Vado a comprare il Parmigiano Reggiano!». La notizia diffusa dal Corriere della Sera sta ora facendo il giro del mondo.

Grana Padano chiederà un risarcimento milionario

Quest’esclamazione – per di più con espressione disgustata – ha indignato non poco il Consorzio che, dopo aver consultato gli studi Mediaset in caso ci fosse stato un errore nella traduzione, il legale rappresentante ha pensato di citare in giudizio la produzione perché, a suo dire, questa frase danneggia l’immagine del Grano Padano nel mondo. Fino ad ora non si conosce come ha reagito la produzione della soap, ma chissà, forse nei prossimi episodi di Beautiful verrà aggiustato il tiro sulla questione? Sostiene  il direttore Stefano Berni: «Nulla avremmo avuto da dire se si fosse trattato di pubblicità comparativa. Se l’attore avesse scelto il Parmigiano rispetto al Padano non ci sarebbe stato di che protestare. Ma non è questo il caso: ci troviamo di fronte ad un vero e proprio messaggio denigratorio, che ci danneggia ingiustamente in tutto il mondo». Il risarcimento si prevede milionario, vista la diffusione planetaria della telenovela e quindi la gravità del danno che potrebbe esser stato causato. ricordiamo che il Grana Padano è il prodotto italiano dop più consumato nel mondo, esporta merce per un valore di 750 milioni di euro all’anno, che diventano 2 miliardi se contiamo la crescita di valore sul mercato al dettaglio. Beautiful non è da meno: la soap va in onda dal 1987, viene trasmessa in 100 paesi e ha una media di spettatori giornalieri di 300 milioni con punte di 500 milioni.